Utilizziamo cookie nostri e di terze parti al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione sul nostro sito, valutare il coinvolgimento dei nostri utenti e migliorare i nostri servizi.
Continuando nella navigazione acconsenti all'utilizzo di cookie sul tuo dispositivo.
seguire come pecore
Nell'articolo che ho pubblicato il 3 Settembre 2014, dal titolo: "IL SENSO DI TRASCENDENZA: SENTIRE DI AVERE UNO SCOPO NELLA VITA", ho voluto iniziare, insieme a te, un PERCORSO interessante che ha permesso a molti lettori di compiere un vero e proprio START di CONSAPEVOLEZZA INTERIORE.
In quella sede ti ho fatto notare come si possa compiere quel salto interiore che fa da spartiacque fra tutte quelle persone che "sopravvivono" alla vita e quelle "altre" persone che invece si accorgono che la propria vita è un magnifico percorso di continuo Miglioramento Personale. :-)
Se hai letto quell'articolo hai sicuramente compreso che alcune persone avvertono dall'interno di loro stesse una SENSAZIONE DI ESSERE PARTE DI UNO SCHEMA SUPERIORE...per il solo fatto che si accorgono finalmente di "E-SISTERE".
Se non hai ancora letto quell'articolo, beh, ti consiglio vivamente di andare subito a leggerlo, sarà per te veramente illuminante! LEGGILO ORA A QUESTO LINK.
 
Una frase di particolare rilevanza e che secondo me racchiude molto bene il profondo insegnamento di quell'articolo era la seguente:
 
<<Sono nato, e morirò...nel mentre posso fare tante cose...la QUALITÀ di queste "cose" però, dipende solamente da me!>>
Sembra banale, ma non lo è affatto!
 
La frase pone enfasi sul concetto di QUALITÀ DELLE COSE CHE SCELGO DI COMPIERE.
La maggior parte delle persone pensa infatti alla QUANTITÀ di cose da fare nella propria vita, e non alla QUALITÀ DI CIÒ CHE FA...
 
Quindi, quella frase, pone l'enfasi non sulle cose in sé che scegli di fare, puoi scegliere di realizzare un progetto, piuttosto che un altro, ma pone ti l'attenzione sulla qualità di come tu scegli le cose che ti accingi a compiere...
 
auto sabotarsiCosa intendo per "QUALITÀ" della scelta?
 
Prendiamoci un attimo per riflettere su questo aspetto...:-)
 
Ad esempio, cosa è la qualità di una mela?
Il suo sapore? il suo profumo? 
O per qualità intendiamo quel particolare effetto che, una volta mangiata, ci procurerà al nostro corpo?
 
Un pò tutte e tre le cose...
Dipende cosa cerchiamo...
 
Ma è proprio qui il bello...COSA CERCHI TU NELLA VITA?
COSA TE LA RENDEREBBE SPECIALE SE SAPESSI CHE QUALSIASI TUO PROGETTO, DESIDERIO, ATTIVITÀ, SI POTESSE SICURAMENTE REALIZZARE AL 100%?
 
Il cosa cerchi, abbiamo visto, che dipende unicamente dal tuo grado di EVOLUZIONE PERSONALE.
 
In un articolo ancora precedente, dal titolo "I TRE LIVELLI DEL MIGLIORAMENTO PERSONALE", che ho pubblicato il 16 Aprile 2014, ho messo in luce le diverse qualità con cui le persone si approcciano al tema del Miglioramento Personale. Per completezza e chiarezza, se non lo hai ancora letto, LEGGILO SUBITO A QUESTO LINK.
 
Esistono 3 LIVELLI DI SVILUPPO, PER UN ESSERE UMANO (se non lo hai letto corri a leggerlo! È veramente importante!):
 
1) LO SVILUPPO PERSONALE;
2) IL MIGLIORAMENTO PERSONALE;
3) L'EVOLUZIONE PERSONALE;
 
Ciascuno di questi tre livelli ci coinvolge e lo SENTIAMO NOSTRO in maniera diversa e specifica, a seconda del nostro grado di EVOLUZIONE PERSONALE (L'ULTIMO LIVELLO).
 
Ebbene oggi mi sono ripromesso di estendere ancora di più questi concetti, per arrivare a gettare le basi su alcuni principi DETERMINANTI E ASSOLUTAMENTE FONDAMENTALI, sia per approcciarsi correttamente all'EVOLUZIONE PERSONALE (il grado più alto di TRASFORMAZIONE cui puoi tendere), sia per studiare qualsiasi tema spirituale ed esoterico futuro.
 
Nell'era di Internet moltissime persone si COMPIACCIONO nel chiamarsi "RICERCATORI"; su Youtube è pieno di divulgatori pseudo-new age che diffondono i propri video, dove interpretano (e aggiungerei stra-interpretano) con la più grande libertà (e ignoranza), metodi e dottrine filosofiche di altri, dicendo cosa ne pensano e criticandoli senza avere alcuna cultura e conoscenza VERA e STRUTTURATA.
Oppure, ancora peggio, si inventano loro "nuove dottrine" e "nuove correnti di pensiero", perché tanto dopo aver fatto qualche corso qua e la, dopo aver seguito questo o quel "guru", dopo aver letto un po' di libri di spiritualità spicciola è facile fare nella propria testa un minestrone e tirare fuori qualcosa di simile da vendere alla massa.
 
Ultimamente sembra proprio che le persone amino sentirsi chiamare "RICERCATORI" e "RICERCATRICI" SPIRITUALI.
Per il lavoro che faccio frequento spesso Circoli e Associazioni in cui incontro persone appassionate di questi argomenti, e devo dire che TUTTI prima o poi, se ne escono con la frase: <<Io mi occupo di benessere olistico, cioè a 360°, sono un RICERCATORE SPIRITUALE (o Esoterico, o Olistico, metteteci quello che preferite...)>>.
Ovviamente è bellissimo e molto interessante fare il ricercatore in ambito professionale come fa il sottoscritto e non ho veramente nulla contro chi è appassionato di queste tematiche, come ti dicevo anche io nella mia propria descrizione ho inserito la parola RICERCATORE IN DINAMICHE DELLA MENTE (ed è effettivamente il mio ambito di studio e ricerca).
 
Il problema si pone quando queste stesse persone INFLUENZANO con il proprio pensiero grandi gruppi di persone, aprendo loro stesse Associazioni, Club, Siti Internet, magari scrivendo libri, divulgando video, e INSEGNANDO ad altri prendendosi a forza un'autorità che non compete loro e le persone poi si fidano perché sentono quella frase: << bè lei è una ricercatrice...queste cose le sa!>>
 
Grazie all'enorme materiale che è possibile studiare in Rete, effettivamente è possibile arrivare ad ottenere una discreta cultura, ma DAVVERO BASTA FAR VEDERE CHE SI È LETTO QUALCHE LIBRO E SI È PUBBLICATO UN PDF DI 100 PAGINE, PER DIRSI "RICERCATORI"?
 
Mi spiego meglio, se l'apprendimento tramite ricerca è un COMUNE DENOMINATORE dell'essere umano (te lo hanno insegnato a fare fin da bambino), per avere la qualifica di RICERCATORE in un determinato campo, ritengo sia necessario l'apprendimento di alcuni PRINCIPI specifici, che DETERMINANO LA QUALITÀ del modo in cui FARE RICERCA E SOPRATTUTTO DI PRINCIPI CHE INSEGNANO COME TRARRE LE CORRETTE CONCLUSIONI DA QUELLE RICERCHE CHE SI FANNO!
 
UN RICERCATORE NON È SOLO COLUI CHE STUDIA UNA DETERMINATA MATERIA, MA COME DICE LA PAROLA, SI SPINGE PIÙ IN LÀ, CIOÈ CERCA DI TRARRE CONCLUSIONI NUOVE DA CIÒ CHE STUDIA.
 
Adesso capisci perché ci tengo a precisare questo punto? :-)
 
tuttologo
LE CONCLUSIONI CHE CIASCUNO DI NOI PUÒ TRARRE DA UNO STUDIO DEVONO BASARSI SU UNA CONOSCENZA SIA DEI MECCANISMI DELLA MENTE E SIA DEI PRINCIPI CHE REGOLANO L'ATTO STESSO DEL FARE RICERCA.
 
Quando parlo con quelle persone che giocano a fare i ricercatori, prima o poi mi tocca ascoltare frasi come queste: <<Sono stata allieva del venerabile BABI BEBA (nome di fantasia...;-)), dove ho praticato MEDITAZIONE TRASCENDENTALE, poi ho praticato 5 anni Yoga Tantrico, poi ho studiato "l'armonia dell'acqua" sui libri di KUSHI KUSHI, e per anni ho seguito seminari sulle "influenze angeliche">>, al che la mia domanda segue di rito: <<ah, sei stata allieva di BABI BEBA, ci hai mai parlato? Gli hai raccontato dei tuoi desideri e progetti? >>.
Risposta: <<Ehmm, no, eravamo in 100 nella sala e lui poi arrivava, spiegava e andava via, nessuno poteva prenderlo con sè e parlarci a quattr'occhi, poi non parlava neanche italiano...>>
 
COME SI FA A DEFINIRSI ALLIEVI DI UN QUALSIASI "MAESTRO" (MA AMMETTIAMO PURE CHE LO FOSSE DAVVERO), SE NON CI SI HA MAI PARLATO?
SE QUELLA PERSONA MANCO CONOSCE IL TUO NOME, COME FAI A DEFINIRTI, IN TUTTA ONESTÀ, SUO ALLIEVO?
 
Provenendo da una TRADIZIONE ORIENTALE dove il concetto di VIA, il DAO (Via Trasformazionale) è nata, ed essendomi FORMATO in quella tradizione, posso dirti che UN MAESTRO PRENDE UN ALLIEVO (E UN ALLIEVO DIVENTA TALE, AGLI OCCHI DEL MAESTRO), quando i loro sguardi si incontrano e l'allievo si APRE AL MAESTRO RACCONTANDOGLI DI SÉ  e il MAESTRO ASCOLTA E DECIDE SE PRENDERLO O MENO COME SUO ALLIEVO.
La forma MAESTRO-ALLIEVO non ammette distorsioni, altrimenti si può arrivare a casi di estremo fanatismo (come mi è capitato di ascoltare), in cui alcune persone si REPUTAVANO ALLIEVI DI GESÙ CRISTO SOLO PERCHÉ AFFERMAVANO DI SEGUIRE I SUOI INSEGNAMENTI.
 
METTIAMOLA COSÌ:
 
 

NON SI PUÒ ESSERE ALLIEVI DI PERSONE MORTE! E NEANCHE DI PERSONE CHE NON VI CONOSCONO! :-)

 
Comprendo bene quanto faccia "figo", quanto sia oggi "cool" dirsi a stessi e agli altri di essere allievi di un qualche "guru" o anche solo dire di aver seguito quella Scuola Spirituale o altro, ma SE VOGLIAMO DAVVERO ESSERE RICERCATORI, VERI RICERCATORI, DOBBIAMO APPROPRIARCI DI UNA SENSIBILITÀ CHE PRENDE IN ESAME QUESTO ASPETTO (E VEDRETE CHE CE NE SARANNO ANCHE ALTRI) :-)
 
Per me questo è il PRIMO PRINCIPIO o la PRIMA SENSIBILITÀ che bisogna sviluppare.
 
Un conto è INFORMARSI su una particolare dottrina, in questo caso si leggono i libri, si conoscono gli avvenimenti che riguardano i personaggi e i Maestri di quella Scuola, un'altra cosa è lo studiarla ENTRANDO NEI MECCANISMI INTRINSECI DI QUELLA PARTICOLARE DOTTRINA e DIVENTARE ALLIEVI DI UN ESPONENTE O DI UN MAESTRO CHE LA INSEGNA.
 
ricercatore olistico 1PRATICARE YOGA TUTTI I GIORNI NON TI RENDE UN RICERCATORE SPIRITUALE, TANTO QUANTO CUCINARE TUTTI I GIORNI NON TI RENDE UN CUOCO.
LEGGERE LIBRI DI ESOTERISMO NON TI RENDE UN RICERCATORE ESOTERICO, TANTO QUANTO USARE TUTTI I GIORNI IL COMPUTER NON TI RENDE UN TECNICO INFORMATICO.
FREQUENTARE ASSIDUAMENTE SEMINARI DI "RISVEGLIO COSMICO" NON TI RENDE UN "RISVEGLIATO", TANTO QUANTO STUDIARE PER PRENDERE LA PATENTE AUTO NON TI RENDE UN PILOTA DI FORMULA UNO.
 
Serve qualcosa di più...;-)
 
Serve conoscere il COME, FA RICERCA CHI DAVVERO È UN RICERCATORE IN QUESTI CAMPI.
COME gli è stato trasmesso il modo di compiere le ricerche?
 
Come in molti altri campi della vita umana, serve una trasmissione ESTERNA (no, quelle ricevute in SOGNO LUCIDO non valgono!) ;-), che ti dia una SERIE DI FONDAMENTI AL TUO OPERARE.
 
Se ciò che ti piace è solo leggere tanti libri, ricavarne una idea di massima, rimanere colpito al più da un paio di frasi e poi mettere tutto insieme, PER RICAVARNE UNA TUA IDEA PERSONALE, allora non stai facendo ricerca. Sei semplicemente un AMATORE DI QUELLA MATERIA.
 
Impariamo ad usare le stesse categorie che si utilizzano nello sport.
Nello sport è ben chiaro chi è AMATORE, AGONISTA, E CHI È PROFESSIONISTA.
Un amatore è un PRATICANTE che si allena a ritmi blandi, magari per lui personalmente impegnativi, ma non si allena per PRIMEGGIARE CON I CAMPIONI e non si pone nell'ottica di subire lo stress di un AGONISTA, che invece si dà delle scadenze perché vuole partecipare a delle gare e quindi non può permettersi il lusso di ARRIVARCI FUORI FORMA.
Diverso ancora è il discorso per un PROFESSIONISTA in quella disciplina sportiva, CHE GAREGGIA RICAVANDO DEI PROFITTI, ha un ALLENATORE PERSONALE (HA UN COACH SPORTIVO E HA UN MENTAL COACH), e la sua vita è CARATTERIZZATA DALLO SPORT E NE FA IL SUO LAVORO!
 
È molto difficile diventare PROFESSIONISTI NELLA RICERCA, proprio perché oggi chiunque può scrivere e pubblicare un libro o un ebook parlando di temi spirituali o energetici, basti pensare quanti scrittori si sono infilati nel "carrozzone" della Legge di Attrazione dopo che l'autrice Rhonda Byrne ha scritto il suo famoso libro, evidenziando un settore economicamente molto redditizio.
Subito tantissimi autori, fiutando il profumo dei soldi, hanno prodotto libri simili, estendendo (a modo loro), o illustrando modi alternativi, per utilizzare gli stessi concetti espressi dalla Byrne, riuscendo cosi anche loro a guadagnare molti soldi con grande facilità.
 
Realizzare dei video su Youtube in cui si parla di complotti, Nuovo Ordine Mondiale, ufo, alieni, angeli, scie chimiche, e chi più ne ha più ne metta, è oggi facilissimo, e fortunatamente è anche un settore che si sta rapidamente SATURANDO.
Considerando la semplicità di realizzazione cosi alta (e i guadagni anche), tutti si sono fiondati sull'argomento e così li hanno resi in poco tempo noiosi...hanno munto la mucca finché era possibile, ora, il lato positivo della cosa è che queste persone fra meno di 10 anni saranno tutti perfetti sconosciuti, scompariranno così come sono apparsi, oppure si ricicleranno tentando la fortuna su altri "carrozzoni", che fra 10 anni saranno la nuova moda.
 
fakeguru4Per noi che facciamo parte di quel gruppo di appassionati SERI di Miglioramento Personale, per noi che cerchiamo una VIA SERIA, fatta di SALUTE MENTALE (e non di pratiche ALLUCINATORIE), sappiamo che quel modo di vivere non è LUNGIMIRANTE, e alla lunga farà più danno che altro, alla mente di quelle persone.
Ho ritenuto importante farti comprendere questo PRIMO PRINCIPIO, perché in questo modo sarai in grado di prendere le distanze da quei finti divulgatori, guru, fattucchieri dell'ultimo minuto che, utilizzando un linguaggio "esoterico" (ma che ormai esoterico non è più, come hai avuto modo di comprendere, per il semplice motivo che è sulla bocca di tutti!), cercano di frullarti il cervello e al contempo prosciugarti il portafoglio.
 
Se tu, che stai leggendo questo articolo, fino ad oggi ti sei definito un RICERCATORE IN CAMPI COME QUESTI (New Age, Spirituali, Esoterici, Olistici, Complottismo, ecc...), sappi che in questi articoli ti INSEGNERÒ altri 7 PRINCIPI FONDANTI che sono STRETTAMENTE NECESSARI per compiere una VERA ATTIVITÀ DI RICERCA EFFICACE, per far si che tu possa avere degli strumenti EPISTEMOLOGICI CORRETTI PER DISCRIMINARE e COMPRENDERE REALMENTE CIÒ CHE TI È DAVVERO UTILE STUDIARE, E COSA INVECE PUOI RITENERE INUTILE E ANCHE, IN ALCUNI CASI, DANNOSO.
 
Per essere un bravo Mental Coach ho dovuto studiare moltissimo come funziona la psiche umana e come certi meccanismi VADANO POI AD INFLUENZARE I TUOI COMPORTAMENTI E LE TUE CREDENZE (come quelle di tutti!).
Ciò che si verifica DIETRO LE QUINTE del nostro cervello riveste un ruolo a dir poco fondamentale per comprendere ed aiutare tutte quelle persone che spesso, NONOSTANTE TUTTI QUEGLI STUDI SPIRITUALI, VIVONO COMUNQUE UNO STILE DI VITA "INCASINATO" e SI TROVANO IN SITUAZIONI DI STRESS MOLTO ALTO in seguito proprio alla QUALITÀ delle loro scelte quotidiane.
 
Oggi ti ho fatto comprendere questo primo principio.
 
predicatore americano
SI PUÒ ESSERE ALLIEVI SOLO DI MAESTRI CHE SANNO DI ESSERE I TUOI MAESTRI.
QUINDI DEVI AVERGLIELO CHIESTO E LORO DEVONO AVERTI ACCETTATO COME ALLIEVO.
DEVONO CONOSCERTI, DEVONO CONOSCERE IL TUO CARATTERE, I TUOI DESIDERI E I TUOI PROGETTI.
 
Se tu vuoi sapere qual è il loro colore preferito o cosa amano o odiano mangiare, devi poterglielo chiedere!
Se non sai nulla di questi "presunti" maestri, allora LORO NON SONO I TUOI MAESTRI e tu NON SEI LORO ALLIEVO e non puoi definirti tale.
Se lo fai, ti stai prendendo per il culo da solo!
 
ALLONTANATI DA TUTTI QUEI "GURU" CHE AFFERMANO DI ESSERE ALLIEVI DI QUALCUNO CHE NON HANNO MAI CONOSCIUTO PERSONALMENTE!
 
Nell'articolo della prossima settimana voglio porre alla tua attenzione un SECONDO IMPORTANTISSIMO PRINCIPIO, necessario per chi vuole diventare un SERIO RICERCATORE IN AMBITI DELLA CONOSCENZA COME QUESTI :-)
 
Se l'articolo ti è piaciuto, metti MI PIACE in fondo alla pagina, e inserisci un tuo commento; raccontami le tue esperienze su questi temi :-)
Buona settimana :-)
 
 
Fabrizio F. Caragnano
Professional Mental Coach